sabato 3 novembre 2012

In ricordo dei cari defunti


Affetti mai perduti

Le nostre esistenze
in attesa,
s’incamminano
una alla volta
rassegnate, silenti
verso l’ultimo,
inesorabile traguardo
del breve,  tortuoso
 percorso umano.

Le persone a  noi care
 si sono addormentate,
loro malgrado,
una alla volta,
per sempre,
 e tale, improcrastinabile,
 sarà la nostra sorte.

 Che cosa rimane di loro?
Fragili radici spezzate
flebili voci, sussurri eterei
trasportati dal tiepido vento
primaverile
che accarezza gli alti cipressi,
imponenti sentinelle,
poste a guardia della nuova, fredda dimora.

Dove posso adesso rintracciare
 i tratti dei volti conosciuti
facilmente amati ma mai dimenticati,
come posso  accarezzare i soffici capelli,
 baciare le guance segnate dal tempo,
 stringere le vigorose mani,
ascoltare le  voci confortanti di chi tanto ha amato?

Niente intorno a me di tangibile
solo piccoli frammenti
di ossa sparsi nella madre terra,
 arsa dal cocente sole estivo,
 lavata dalla abbondante pioggia invernale.
Ma il ricordo del loro amore vive in me
mi conforta, mi infonde  coraggio e
mi esorta a proseguire nel difficile cammino.

                                                                  Cristina Coletta Pizzi



7 commenti:

  1. Tenero ricordo di chi non c'è più, e presa di coscienza che quella è una strada che tutti dobbiamo percorrere, fino alla fine, ci piaccia o meno.
    Forse è l'unica dura lex, sed lex che viene equamente applicata in tutto il percorso vitale.
    Sembra una fesseria, ma a pensarci bene è un fatto che consola, a fronte delle ingiustizie che, soprattutto i più deboli, subiscono in vita.
    Ciao.
    (E' un bel blog, se togli il captcha lo sarà di più).

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per il passaggio e per le sagge parole. Per quanto riguarda il captcha ero convinta di averlo tolto. Mi scuso con i followers!! Tenterò di nuovo..... Ciao Chry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che dando un dito poco ci vuole che uno si prenda la mano e poi il braccio. Nel lavorìo per togliere il chaptcha mettici anche un leggero schiarimento del fondo dei commenti; il nero sul marrone pesante è quasi illeggibile. Se vuoi battezzami gattorompi, mi sacrifico per il bene dei compagni di lettura.
      Ciao.

      Elimina
  3. Commovente ed emozionante, Chry.

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio Gianna carissima. A presto Chry

    RispondiElimina
  5. Versi che trasmettono forti emozioni.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  6. Ringrazio Cavaliere oscuro per bel commento. Cordialmente Chry, un tempo... assidua e felice amazzone.

    RispondiElimina